5 trucchi + 1 per bruciare la concorrenza a suon di Video e Dirette sui Social Media

5 trucchi + 1 per bruciare la concorrenza a suon di Video e Dirette sui Social Media

5 trucchi + 1 per bruciare la concorrenza a suon di Video e Dirette sui Social Media

5 trucchi + 1 per bruciare la concorrenza a suon di Video e Dirette sui Social Media

Giusto la settimana scorsa, parlavo del cambio di mentalità necessario ad affrontare il cambiamento verso quella che è stata definita l’Era dell’Esperienza nel web, sopratutto per quanto riguarda social networks e web media.

In particolare, avevo focalizzato l’attenzione su un’aspetto di questo cambiamento :

 

” Il segreto, sta nel saper creare un’esperenzialità che entri a far parte del vissuto quotidiano dello spettatore/cliente potenziale.[..] un’azienda deve imparare a mostrare sé stessa in primis, farsi conoscere in modo originale, empatico, coinvolgente –  e quindi (solo dopo) parlare di sé nel senso più tradizionale del termine.Se l’interazione su Facebook una volta partiva da uno stato ben scritto, ora su Snapchat inizia, ad esempio con un video live ben fatto – ma di questo, parliamo la settimana prossima. “

Ed eccoci qua, giusto?

Allora, inizio con una precisazione: aldilà del fatto che ibridi fra social e chat come Snapchat e Whatsapp stiano rivoluzionando il modo in cui interagiscono gli utenti – soprattutto quelli fra i 16 e i 35 anni (il termine Millennials lo sento un po’ abusato e dato per scontato), questo non significa che piattaforme più “tradizionali” come Facebook, Twitter e compagnia siano da buttar via.

Entrambi infatti permettono di caricare video, sia registrati che live, che si stanno rivelando una vera e propria manna per comunicare in modo efficace ed originale la proposizione di valore offerta al cliente. Visto e considerato ciò, mi sono preso qualche giorno per documentarmi, e ho raccolto qualche dritta (rigorosamente low cost) che potrebbe tornarti utile.

1) Non ti serve una troupe per girare un video : sia per registrare video che per andare “in diretta”, basta il tuo smartphone. Eh già – a meno che tu non sia rimasto nell’era della analogica (ma non staresti leggendo questo articolo altrimenti, sbaglio?), non hai più scuse, quindi datti da fare e inizia a prenderci la mano.

2) Prima di caricare il video o andare in diretta, avverti i tuoi followers : fagli sapere a che ora sarai live o caricherai il video, scrivi una breve anticipazione in merito a ciò di cui parlerai, dove e con chi sarai (nel caso di un’intervista o un video “in trasferta”) e chiedi di attivare le notifiche per essere avvertiti quando inizierà la trasmissione.

3) Il video, anche nel caso della registrazione della diretta, va caricato, non linkato : i social media adorano i contenuti, e per questo vengono privilegiati moltissimo sulle newsfeed. L’idea migliore per dargli visibilità, quindi, è caricarli su ogni singolo canale piuttosto che aggiungere solo un link.

4) Che tu abbia caricato un video o sia in diretta, rispondi ai commenti: fare un video e non rispondere ai commenti è un po’ come dare una festa e lasciar fuori gli invitati. L’obbiettivo – non mi stancherò mai di ripeterlo, è prima di tutto interagire. Quindi una volta alimentata una discussione, buttatici dentro, rispondi alle domande più acute, sia con un commento che citando in diretta il nome di chi ha commentato per una risposta live.

5) Se registri un video, resta sui 50 secondi. Per una diretta, non meno di 20 minuti: ok, un controsenso, ma posso garantirvi che queste sono due regole d’oro ormai più che collaudate. Intuitivamente, un video breve è ideale per un “consumo” rapido, mentre la diretta deve durare il tempo necessario perché un buon numero di persone vi assista e partecipi alla discussione.

6) Un video può diventare molte altre cose : un articolo, un podcast, un’infografica..

Ma questa, manco a dirlo, è tutta un’altra storia. Ne riparlerò la settimana prossima dopo aver raccolto qualche trucchetto per voi!

 

Hei tu! Allora, ti è piaciuto l’articolo? Hai altro aggiungere in proposito? Spunti, riflessioni, critiche, argomentazioni che ritieni interessanti? Se pensi di avere qualcosa da dire, condividi il tuo pensiero con me, sarò entusiasta di parlarne e discuterne apertamente!

 

Alessandro Bergamin
Alessandro Bergamin
Project Manager e Ceo di VoglioClienti, un' azienda innovativa che si occupa di strategie web per aumentare i clienti e le vendite. Appassionato di e-commerce e marketing, negli ultimi anni ha creato e gestito numerosi negozi online oltre che business paralleli.