Social media marketing in pillole: ecco come definire la tua target audience.

Social media marketing in pillole: ecco come definire la tua target audience.

Social media marketing in pillole: ecco come definire la tua target audience.

Social media marketing in pillole: ecco come definire la tua target audience.

Quasi sicuramente, nell’ultimo mese ti sei trovato a discutere di social media e quindi di target audience, di cliente tipo o nicchia di mercato, senza sapere bene di cosa si stava discutendo.

Certo, l’argomento era sempre il solito, come faccio a trovare i miei clienti? Come posso attirarli verso il mio business in modo da far diventare remunerativi i miei sforzi sui social media?

Beh, innanzitutto, bisogna capire che questa benedetta target audience non è esattamente una nicchia (la quale può essere formata anche da un certa variante di un prodotto o servizio in quel determinato mercato) né tanto meno un cliente tipo (ci sono molti sottotipi di clienti in una target audience, ma ci arriviamo).

Il termine che più si avvicina a target audience, è pubblico. Devi capire qual’è il pubblico interessato a quello che fai, capire da chi è composto e adattare la tua comunicazione di conseguenza. Partiamo quindi dal primo passo, ovvero identificare queste persone. Ci sono due strade per farlo:

1) Brainstorming e intuito: pensa attentamente a quello che vendi e studia il rapporto costi/benefici del tuo prodotto/servizio, poi, chiediti chi può essere interessato ad esso. Ad esempio, se vendi rasoi da barba, è ovvio che il tuo cliente tipo 1 saranno gli uomini cui piace radersi tutte le mattine, ma con un piccolo sforzo di immaginazione potrai scoprire che oh! ci sono anche un sacco di donne che si depilano le gambe, ogni santo giorno.

2) Analisi dati e pensiero laterale: apri l’applicazione di insight del social media su cui stai lavorando (Facebook Insight, Iconosquare o simili) e fai pratica con le tabelle e i grafici dei dati relativi agli utenti che visitano le tue pagine. Dopo aver definito i loro profili di massima, sforzati di metterti nei loro panni, cambia il tuo punto di vista e crea dei clienti tipo che aderiscano ad un certo tipo di comportamento online, interessi specifici, cause in cui credono, età, estrazione sociale, preferenze politiche e via discorrendo.

Fatto ciò, usa queste informazioni per migliorare la comunicazione del tuo business con la target audience individuata. Ora, in questo senso bisogna ammettere che trovare il modo giusto di proporsi è più una questione di prova errore e pianificazione che di colpi di genio estemporanei. Per questo, voglio darti tre consigli pratici da applicare fin da subito per sfruttare al massimo le informazioni che hai sul tuo pubblico.

a) Adotta il linguaggio, il format e lo stile di comunicazione caro alla tua target audience : fai ricerche di slang e modi dire, usa i video piuttosto che gli articoli, insomma, cerca di adattare la tua comunicazione a quella del pubblico cui proponi i tuoi prodotti/servizi. Hai un negozio di skateboard? Ok, allora piuttosto che un articolo lungo mille mila parole in cui spieghi perché i tuoi skate sono i migliori, gira un video coi tuoi amici dello skatepark che si schiantano ogni due per tre, così da far capire al tuo pubblico di che pasta sono fatti i tuoi prodotti e i tuoi clienti.

b) Pubblica post, foto, video articoli e qualsiasi altro contenuto seguendo il mood e gli interessi del pubblico: restando sull’ipotetica pagina di un negozio di skate, per attirare traffico (e commenti) dovrai pubblicare video e foto di, che so, l’ultima impresa di uno skater che salta una rampa di scale alta dieci metri, oppure un articolo di giornale che parla polemicamente  dell’ultimo contest e della gente che si spezza le ossa sopra ad una tavola di legno con quattro ruote.

c) Prendi posizione e diventa un’autorità, difendi le cause e gli interessi dei tuoi clienti coinvolgendo figure di rilievo: volendo continuare il nostro esempio, sotto a quell’articolo che parla in modo così prevenuto e ignorante del tuo sport preferito, scrivi quello che pensi, coinvolgi uno skater famoso nella discussione e chiedi ai clienti il loro parere. Fai capire da che parte stai e con chi stai. Crea una discussione intorno a quell’articolo e promuovi una risposta al giornalista che l’ha scritto spiegandogli che essere uno skater è uno stile di vita vero e proprio, e non uno stupido hobby come pensano ancora i lettori bigotti di quel giornalaccio da strapazzo.

Sii autorevole e genuino, difendi la causa, i clienti apprezzeranno.

 

 

 

Alessandro Bergamin
Alessandro Bergamin
Project Manager e Ceo di VoglioClienti, un' azienda innovativa che si occupa di strategie web per aumentare i clienti e le vendite. Appassionato di e-commerce e marketing, negli ultimi anni ha creato e gestito numerosi negozi online oltre che business paralleli.