Vale la pena scaricare i contenuti che offri? Ecco le 3 domande che devi farti per scoprirlo.

Vale la pena scaricare i contenuti che offri? Ecco le 3 domande che devi farti per scoprirlo.

Che il content marketing sia il futuro della comunicazione con il cliente non c’è dubbio, ma fra il dire e il fare, beh, ci siamo capiti al volo, no? Creare contenuti di qualità, che soddisfino le (alte e schizzinose) aspettative dei clienti, è diventata la sfida da vincere nel 2016.

Ma la qualità dei contenuti non si ottiene solo spendendo un sacco di soldi per creare video, foto e infografiche esteticamente piacevoli e interessanti, bensì fornendo informazioni rilevanti comunicate in modo originale, personalizzato ed avvincente. (per capire di cosa sto parlando, ti consiglio di dare un’occhiata a questi case studies d’eccellenza.)

Questo genere di contenuti, ovviamente, va sfruttato per ottenere leads dai potenziali clienti in visita sulla tua pagina, della serie :

Caio visita la tua pagina web con il suo smartphone, legge un breve articolo che parla dell’affidabilità dei tuoi stivaletti da trekking durante un’escursione scientifica in Himalaya.

Per saperne di più e accedere a video, foto e approfondimenti sull’avventura, deve però registrarsi alla tua newsletter : questo accadrà solo se il contenuto promesso (in questo caso definito come gated contentè realmente utile o interessante per Caio, che in tal caso sottoscriverà il tuo form senza pensarci due volte.

Per far si che Caio si registri, dunque, bisogna fare un passo indietro ed interrogarsi sulla qualità dei contenuti proposti, in particolare rispondendo alle seguenti domande :

1) Il contenuto fornisce informazioni rilevanti, amalgamate a format di qualità?

Per restare sull’esempio di cui sopra : dopo essersi registrato, Caio dovrà avere accesso a infografiche che parlino (fornendo dati reali ) della resistenza delle suole a temperature proibitive, video che dimostrino l’efficacia nelle fasi di arrampicata seguendo l’azione degli escursionisti e una serie di interviste che raccontino l’avventura e i risultati raggiunti, amalgamando in modo naturale la promozione genuina di un prodotto di qualità ad uno storytelling avvincente.

2) Il contenuto offre approfondimenti esclusivi e introvabili, che coinvolgono influencer, blogger ed esperti del settore?

Caio, in linea con un profilo di consumatore ben informato e con un’ottima padronanza del web, sa cosa vuole, come trovarla ed ottenerla : di conseguenza, si registrerà alla tua newsletter se e solo se i contenuti offerti nel tuo approfondimento sull’escursione saranno davvero esclusivi, con video di alta qualità, infografiche dettagliate sul prodotto, foto emozionanti e interviste ai protagonisti introvabili. Prenditi del tempo per coinvolgere  anche blogger specializzati, influencer e altri esperti del settore con citazioni e interventi.

3) Il contenuto è ben targetizzato? è intuitivo e facile da fruire?

Sia il linguaggio che i format utilizzati per raccontare l’escursione dovranno essere personalizzati a seconda del profilo di utenti che ne fruirà : Caio è un esperto di escursioni e pratica la disciplina a livello amatoriale, segue attivamente le competizioni internazionali ed interagisce sui social media condividendo video e contenuti provenienti da pagine e brand del settore, quindi recepirà bene i concetti di avventura e sfida della natura e sarà entusiasta di leggere un testo ricco di termini tecnici e citazioni che riguardano la letteratura di riferimento.

Questo, probabilmente, lo porterà a condividere il tuo articolo iniziale con entusiasmo, consigliando caldamente la registrazione alla newsletter ad altre persone che condividono la sua passione per accedere ai tuoi contenuti esclusivi, incrementando la tua visibilità rispetto ad una target audience allineata con il tuo business.

 

 

 

 

 

 

 

 

Alessandro Bergamin
Alessandro Bergamin
Project Manager e Ceo di VoglioClienti, un' azienda innovativa che si occupa di strategie web per aumentare i clienti e le vendite. Appassionato di e-commerce e marketing, negli ultimi anni ha creato e gestito numerosi negozi online oltre che business paralleli.